Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Emanuele e Marco seminaristi accoliti

Accolti dalle sorelle delle Fraternità monastiche di Gerusalemme, presenti a Gamogna da 20 anni

Emanuele e Marco seminaristi accoliti

Erano circa 200 i giovani che sabato e domenica hanno animato l’eremo di Gamogna, accolti dalle sorelle della Fraternità Monastica di Gerusalemme.

Un’accoglienza particolare visto che loro, in vetta all’Appennino, ci sono arrivate esattamente vent’anni fa e lì continuano ad accogliere viandanti e pellegrini, ascoltando, testimoniando il loro cammino, offrendo condivisione nella preghiera. La camminata d’arrivo per i nostri ragazzi si è conclusa con vino e ciambella per ritemprare il fisico. Poi, insieme, si è passati a pregare il vespro per ritemprare anche lo Spirito e, dopo cena, si è dato spazio a una veglia di preghiera con adorazione.

Il risveglio domenicale si è aperto con la recita delle lodi. Dopo colazione, nvece, suddivisione in gruppi per lavorare sulle quattro tematiche individuate per lo svolgimento del Sinodo diocesano: giovani e missione, giovani e vocazione, giovani e Chiesa, giovani e società. Si è quindi giunti all’ora della messa. Celebrazione presieduta dal vicario generale don Michele Morandi, che è anche rettore del seminario diocesano, e nel corso della quale Emanuele Casadio e Marco Fusini sono stati istituiti accoliti. I due frequentano gli studi teologici a Bologna e sono in cammino per il sacerdozio.

Nel corso dell’omelia don Michele ha ricordato come ciascuno viva un desiderio di incontrare Dio. Ma non sempre si hanno le condizioni per lavorare e sviluppare questo fatto.

Risulta allora importante avere qualcuno con cui rapportarsi e poter discernere il prorpio cammino per riconoscere Gesù Cristo cercando di imitarlo. Cercando di conformarci a Lui. Lo stesso contesto in cui viviamo e ci muoviamo, ci deve portare a riconoscere la presenza creativa di Dio, che desidera che ci conformiamo al suo Figlio crocefisso.

“Rileggendo in questi giorni ciò che è stato, ciò che mi è accaduto - ci ha scritto Emanuele Casadio - rivivo un po’ tutto quanto con emozione. In particolare per aver vissuto l’istituzione all’accolitato in un luogo a me molto caro come Gamogna. E poi in compagnia con tanti giovani che erano lì per l’evento organizzato e promosso dalla Pastorale giovanile”.

Ma è importante raccogliere le idee sull’efficacia di questo momento. “Quello che mi porto a casa - continua Emanuele - sono due cose: la prima, riferita più al ministero stesso, e che ritrovo nelle parole che don Michele ha pronunciato durante il rito: Questo ministero vi impegni a vivere sempre più intensamente il sacrificio del Signore e a conformarvi sempre più a Lui col vostro essere e il vostro operare. Sono parole forti, ma credo che sia ciò che sto cercando di vivere in questo cammino di seminario: cercare veramente con la vita di fare la volontà del Signore, mettendomi veramente a servizio degli altri, con uno sguardo sempre più attento verso i poveri e i malati. La seconda cosa sono le persone che sono venute su a Gamogna per condividere l’accolitato. Dalla mia famiglia, ai fedeli della mia parrocchia di origine, San Martino di Reda cui sono molto affezionato, ai fedeli della parrocchia in cui ora presto servizio, Santo Stefano di Modigliana, i tanti amici e i giovani che hanno partecipato, sia al sabato che alla domenica. Tutte queste persone mi hanno veramente accompagnato e aiutato a vivere meglio la celebrazione dell’Eucarestia in un momento molto importante della mia vita”.

Il sentimento di gratitudine di Emanuele è lo stesso che ha animato anche Marco. Entrambi ora proseguono il loro cammino forti della gioia rafforzata da questa condivisione. Ma anche quanti li hanno accompagnati si sono rafforzati nel loro cammino di fede.

G.D.



Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Morto un 24enne di Faenza a Palazzuolo

Giovedì 9 agosto: inoltre, ferite due ragazze di 1 ...

In Romagna la prima cooperativa di Comunità

Domenica 12 agosto inaugura con Maurizio Gard ...

Inaugurato a Punta Marina, stabilimento Insieme a te

Anche la Pubblica Assistenza di Faenza ha contribuito

...
BASSA ROMAGNA YOUNG

La classe 4T del Liceo Compagnoni di Lugo ha creato un bl ...

carta bianca

Rubriche

Osservatorio sociale Fnp Cisl

Osservatorio sociale Fnp Cisl

OsCo: Ospedale di Comunità

Di palo in frasca

Di palo in frasca

La carioca Baby Luna

Nino Tini, un personaggio singolare

Nino Tini, un personaggio singolare

Ricordo di un contadino appassionato di tradizioni e tipicit ...
Operazione Colomba, 25 anni di nonviolenza

Operazione Colomba, 25 anni di nonviolenza

Il Corpo di pace della Comunità Papa Giovanni XXIII & ...
libri su p.Daniele Inaugurazione sala lettura card. Laghi SIR Confronti di Autunno 2018 fondazione dalle fabbriche Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza Libro di Padre Daniele