Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Francesco e Francesco

Francesco e Francesco

Nella settimana in cui siamo inondati dalle note sanremesi c’è stato un avvenimento storico: il viaggio di papa Francesco nella penisola araba dove ad Abu Dhabi ha potuto celebrare, tra l’altro, la prima messa pubblica.

Come Francesco di Assisi nel 1219, anche il Papa venuto quasi dalla fine del mondo ha voluto incontrare il mondo musulmano ‘moderato’ e con il Grande Imam di Al-Azhar ha firmato una dichiarazione dal valore immenso.

Un testo fatto non “solo” di parole, che per qualcuno sono vaghe e generiche su pace, dialogo, riconciliazione, convivenza, speranza ma con riferimenti chiari, netti, espliciti ad alcune delle grandi questioni etiche che dividono la società. Ad esempio, cristiani e musulmani sono concordi che “attaccare l’istituzione familiare, disprezzandola o dubitando dell’importanza del suo ruolo, rappresenta uno dei mali più pericolosi della nostra epoca”.

Così come che “… tutti devono preservare tale dono della vita dal suo inizio fino alla sua morte naturale. Perciò condanniamo tutte le pratiche che minacciano la vita come i genocidi, gli atti terroristici, gli spostamenti forzati, il traffico di organi umani, l’aborto e l’eutanasia e le politiche che sostengono tutto questo”.

E sulla questione della libertà si sottolinea come essa “è un diritto di ogni persona: ciascuno gode della libertà di credo, di pensiero, di espressione e di azione. Il pluralismo e le diversità di religione, di colore, di sesso, di razza e di lingua sono una sapiente volontà divina, con la quale Dio ha creato gli esseri umani”. Infine “si devono interrompere tutte le pratiche disumane e i costumi volgari che umiliano la dignità della donna e lavorare per modificare le leggi che impediscono alle donne di godere pienamente dei propri diritti”.

Francesco d’Assisi non ragionava con i criteri ideologici della cristianità del 1219 e in quell’incontro con il sultano si è posto dentro la sensibilità religiosa del suo interlocutore. Come papa Francesco 800 anni dopo: perché non si possa dire di non aver capito.

Tiziano Zoli



sfoglia la rivista
Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Museo Diffuso: dal weekend prime riaperture

Visite possibili con mascherina e misure di prevenzio ...

Brisighella, 78enne soccorso in casa e salvato

L’anziano vive da solo ed era rimasto vittima d ...

Pagamento dell

Per TARI, TOSAP e imposta sulla pubblicità - i ...

Steward per gli accessi in ospedale e nelle strutture Ausl

Dal 20 maggio il personale assicura nei 56 principali ...

carta bianca

Rubriche

In 7.000 per il 7° "Meeting nazionale giornalisti cattolici e non"

In 7.000 per il 7° "Meeting nazionale giornalisti cattolici e non"

Dibattito vivo ed interessante tra chiesa, societ&agr ...

L

L'impegno del pastore in mezzo alle crisi

Se ne è parlato al 7°meeting nazionale gio ...

Dopo 40 anni, i primi risultati

Dopo 40 anni, i primi risultati

Brasile, l’esperienza di Vila Misionaria

Festa per tutti

Festa per tutti

Sabato 9 maggio, festa della Beata Vergine delle Graz ...

libri su p.Daniele SIR papa giovani fragole fondazione dalle fabbriche rosario orari messe Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza caritas coronavirus scout Libro di Padre Daniele casa nivella papa francesco