Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Arriva a Faenza Luci ed ombre del legno

A Palazzo Bandini Rossi di Muki, una mostra di sculture in legno, direttamente dal Trentino

Arriva a Faenza Luci ed ombre del legno

Da  sabato 2 marzo, a Faenza (RA), presso Palazzo Bandini Rossi di Muky ecco una nuova tappa “Luci ed ombre del legno..una mostra che viaggia”, un appuntamento ormai consolidato nel panorama artistico nazionale giunto alla XIII edizione.

Si tratta di un percorso espositivo che permette di confrontare diverse espressioni che la scultura lignea contemporanea può assumere. La mostra vuole al tempo stesso esportare al di fuori delle vallate alpine abituali una forma culturale che caratterizza la Provincia di Trento e valorizzare un territorio, l’Altopiano del Tesino, attraverso una delle principali risorse naturali che più squisitamente lo caratterizzano: il legno.

“Dal 2006 – raccontano gli organizzatori - la mostra è stata complessivamente visitata da quasi 80.000 persone, ha saputo unire il Nord ed il Sud Italia, dalla provincia di Bolzano a quella di Salerno, in un autentico abbraccio culturale che ha attraversato rinomati centri culturali e piccoli ma preziosi borghi, che hanno saputo credere nella bontà dell’iniziativa”.

Saranno esposti i quattro vincitori dell’ultima edizione del Simposio del Tesino, dove, ogni metà estate, quasi trenta artisti vengono invitati e, per una settimana, scolpiscono per le vie e le piazze dei quattro paesi che caratterizzano l’altopiano trentino e ai quali si è recentemente aggiunto anche l’abitato di Strigno.

Mai come in questa edizione si respira un’aria internazionale, segno di come la manifestazione si sia saputa affermare tra le diverse scuole di scultura presenti nel panorama europeo, richiamando l’attenzione di numerosi artisti che con i loro saperi confluiscono in Tesino durante l’ultima settima di luglio secondo un autentico scambio di linguaggi. Marta Fresneda Gutiérrez (Spagna), Jitka Kůsová-Valevská (Repubblica Ceca), Ionel Alexandrescu (Romania), Marta Zucchinali (Treviglio – BG), sono i protagonisti dell’edizione 2019. A loro, come ormai tradizione l’organizzazione ha affiancato un artista “al di fuori del Simposio”, selezionato tra i più rappresentativi scultori del Trentino-Alto Adige. Per questa edizione la scelta è ricaduta sul trentino Giorgio Conta.

In tutto ventuno opere, originali e suggestive, a disposizione per essere osservate dal vero in un viaggio allegorico ed emozionale. Un modo innovativo per conoscere un territorio attraverso le suggestioni e gli odori rimasti impressi nell’opera d’arte.

 La mostra, a ingresso libero, resterà visitabile a Faenza sino al 31 marzo 2019, il venerdì dalle 15 alle 18, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.

La mostra è organizzata dal Centro di Documentazione del Lavoro sui Boschi ed è resa possibile grazie al supporto attivo della Provincia Autonoma di Trento, della Regione Trentino Alto Adige, dei Comuni di Castello Tesino, Pieve Tesino, Cinte Tesino, Bieno, Castel Ivano, dell’APT Valsugana e della Galleria d’Arte Atrebates.   



Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Danni da fauna selvatica, dalla Regione 400 mila euro alle imprese agricole e zootecniche

Contributi fino a 2.500 euro per installare sistemi d ...

A Modigliana la prima edizione de "La Stella nei calici"

Appuntamento il 9 agosto con 11 cantine del territori ...

Agricoltura, Alleanze cooperative chiede un tavolo di crisi per la cimice asiatica

Per le pere le perdite arrivano a toccare il 100% del ...

Dodici giorni in Germania grazie alla Kara Bobowski

È in corso lo scambio giovanile Youth in Movem ...

carta bianca

Rubriche

Al via un nuovo servizio di consulenza per l

Al via un nuovo servizio di consulenza per l'orientamento scolastico

il servizio è gratuito ed è rivolto a r ...

Minacce all

Minacce all'Avvenire di Calabria, la solidarietà della diocesi di Lamezia

“Vicenda che suscita preoccupazione per il clim ...

Brio, Alegra e Agrintesa per una piena integrazione

Brio, Alegra e Agrintesa per una piena integrazione

Con l’ingresso di Mauro Laghi come nuovo dirett ...

La gioia della laurea? Più bella se condivisa

La gioia della laurea? Più bella se condivisa

Madre e figlio conseguono, lo stesso giorno, la laure ...

libri su p.Daniele SIR mostra fondazione dalle fabbriche torneo diocesi Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI spiaggia_luglio gita torino Biblioteca digitale Faenza Filosofi e cinema papa francesco Libro di Padre Daniele