Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Torna la settimana del DONACIBO

 Coinvolti oltre 1500 studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado dal 25 al 30 marzo

Torna la settimana del DONACIBO

Per il terzo anno a Faenza la settimana del DONACIBO, coinvolti oltre 1500 studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado dal 25 al 30 marzo.

Dal 25 al 30 marzo 2019 si svolgerà in tutte le scuole medie di Faenza, Brisighella, Granarolo, Reda e Fusignano e all’Istituto Oriani di Faenza la settimana del DONACIBO organizzata dall’Associazione ONLUS Banco di Solidarietà della città di Faenza con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia- Romagna e il sostegno della Federazione Nazionale Banchi di Solidarietà.

È il terzo anno  che a Faenza e dintorni viene promossa questa iniziativa: l’anno scorso furono coinvolti oltre 1000 studenti che donarono oltre una tonnellata di alimenti.

Quest’anno oltre 1500 studenti sono stati invitati a sperimentare che interessandosi degli altri, compiono il supremo, anzi unico, dovere della vita, che è realizzare sé stessi, compiere sé stessi.

Attraverso un gesto semplice come il portare dei generi alimentari non deperibili, frutto di qualche loro rinuncia, al punto di raccolta nella loro scuola, i nostri studenti diventeranno protagonisti di questa verifica. Il cibo donato verrà poi distribuito alle famiglie e associazioni assistite dal Banco di Solidarietà di Faenza.

Sono coinvolti gli studenti degli istituti Lanzoni, San Rocco, Strocchi, Europa, Brisighella, Reda, Granarolo e Fusignano e per la prima volta anche gli studenti dell’Istituto Oriani.

Che cosa si deve fare per partecipare? Basta poco, si chiede di donare del cibo non deperibile alle persone che sono in difficoltà, portandolo a scuola durante la settimana del DONACIBO. I volontari dell’onlus Banco di Solidarietà di Faenza, penseranno a consegnarli alle persone che ne hanno bisogno.

Il DONACIBO si propone come ideale prosecuzione della Colletta Alimentare, un’iniziativa che nella nostra città coinvolge oltre 250 volontari e che trova risposta nella solidarietà di buona parte della cittadinanza.

Basta davvero poco per tendere una mano a chi si trova in un momento di difficoltà, e purtroppo, anche nella nostra zona le persone in difficoltà sono tante.

Gli alimenti consigliati sono: biscotti e merendine, tonno, pelati, riso, olio, farina, zucchero. Non mancare!

Non è un atto di delega ciò di cui i poveri hanno bisogno, ma il coinvolgimento personale di quanti ascoltano il loro grido. La sollecitudine dei credenti non può limitarsi a una forma di assistenza – pur necessaria e provvidenziale in un primo momento –, ma richiede quella «attenzione d’amore» che onora l’altro in quanto persona e cerca il suo bene.

Papa Francesco, Messaggio per la II giornata mondiale dei poveri.



Cerca nel sito
Agenzia Sir carta bianca

Rubriche

L

L'ombra del disagio sui banchi

Aumento delle certificazioni e dei bisogni speciali, ...

Tartarughe e altri animali esotici: scade il termine per denunciarne il possesso

Tartarughe e altri animali esotici: scade il termine per denunciarne il possesso

Per legge i proprietari devono farlo entro il 31 agos ...

Al via un nuovo servizio di consulenza per l

Al via un nuovo servizio di consulenza per l'orientamento scolastico

il servizio è gratuito ed è rivolto a r ...

Minacce all

Minacce all'Avvenire di Calabria, la solidarietà della diocesi di Lamezia

“Vicenda che suscita preoccupazione per il clim ...

libri su p.Daniele SIR papa giovani imola fondazione dalle fabbriche ravenna Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza Libro di Padre Daniele Filosofi e cinema papa francesco