Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

L'augurio del vescovo Mario ai giovani sinodali

L

Il Sinodo dei giovani della Chiesa universale si è concluso e abbiamo in mano l’Esortazione Apostolica Postsinodale ai giovani e a tutto il popolo di Dio con questo titolo: Christus vivit.[1]

Con simili parole papa Francesco intende rivolgersi ai giovani per dire che Gesù Cristo vive e vuole che ognuno di essi viva! Con l’esortazione postsinodale inizia, dunque, la fase attuativa del Sinodo della Chiesa cattolica. Qualcosa di analogo avverrà per il nostro Sinodo diocesano dei giovani. Mentre stiamo lavorando per la conclusione della fase celebrativa già occorre prepararsi alla fase dell’attuazione. Occorre già domandarsi quali siano le disposizioni d’animo che sono cresciute nell’animo dei sinodali e, tramite loro, nella nostra Chiesa.

Per parlarvi del postsinodo diocesano mutuo alcune suggestioni specie dal capitolo terzo dell’esortazione Christus vivit (=CV): Voi siete l’adesso di Dio.[2]

Se come Chiesa di giovani, cari sinodali, siete cresciuti nella consapevolezza di appartenerle, di esserne soggetto responsabile – il che vi proietta fuori di voi, in un movimento di uscita – ecco alcune convinzioni che non bisogna più perdere ma che debbono crescere in voi, specie da ora in avanti:

  • Come giovani non siete il futuro del mondo e della chiesa di Faenza-Modigliana, ne siete il presente e li state già arricchendo con il vostro apporto. Un giovane non è più un bambino, si trova in un momento della vita in cui comincia ad assumersi diverse responsabilità, in particolare dopo il sacramento della Confermazione, partecipando insieme agli adulti allo sviluppo della famiglia, della società e della Chiesa;
  • Siete, dunque, Chiesa di giovani per la Chiesa, per la famiglia, per la società e, in particolare, per i giovani. Se siete per i giovani, inviati in particolare ad essi, non solo gli adulti ma anche voi – ecco quanto occorre teniate presente - siete chiamati a disporvi ad ascoltare a fondo i giovani e i ragazzi delle vostre parrocchie ed associazioni, stando in mezzo a loro, senza offrire risposte preconfezionate, ad imparare ad essere apostoli: Chiesa giovane, che accompagna ed educa, abbandona schemi rigidi e si apre ad avere un’empatia intensa rispetto ad essi, per aiutarli a scoprire la loro vocazione, per aiutarli a donarsi a Cristo, alla comunità, agli altri;
  • Come?Non guardando tanto ai difetti dei giovani e dei ragazzi ma a ciò che c’è di positivo in loro. Diventate capaci, allora, di valorizzare e alimentare i germi di bene seminati nei cuori dei giovani, di individuare, conseguentemente, percorsi di crescita commisurati alla loro persona, considerata nella sua pienezza;  
  • La piattaforma privilegiata su cui far leva, ben presente in ogni giovane, è Cristo che vive in lui (e in noi): ogni giovane è strutturato non solo secondo l’immagine di Dio, ma anche secondo la figliolanza di Cristo. Occorre, pertanto, aiutare i giovani ad innamorarsi del Figlio di Dio, radice di ogni bene e vertice di ogni aspirazione. Occorre aiutarli a scoprire che il Signore Gesù desidera come prima cosa la loro amicizia. Questo, afferma papa Francesco, è il discernimento fondamentale da far vivere ai giovani e ai ragazzi. Nel dialogo del Signore risorto con il suo amico Simon Pietro, la grande domanda è stata: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?» (Gv 21,16). In altre parole: mi vuoi come amico? La missione che Pietro riceve di prendersi cura delle sue pecore e degli agnelli sarà sempre in relazione a questo amore gratuito, a questo amore di amicizia.

Cari giovani sinodali, portare a conclusione la fase celebrativa del Sinodo diocesano, non vuol dire soltanto predisporre i testi sinodali e approvarli, significa soprattutto essere pronti a partire, ad essere inviati a vivere innanzitutto nella Chiesa e tra i giovani. Occorre, pertanto, «mentalizzarsi» al dopo Sinodo, prevedendo di assumersi precise responsabilità, corrispondentemente alle cinque aree e agli orientamenti pastorali enucleati, senza ritenere di aver concluso il proprio compito. È dopo la fine della fase celebrativa che incomincia la parte più cruciale del Sinodo e che dimostrerà se vi avete partecipato seriamente, comprendendo la vostra vocazione e la vostra missione di battezzati, cresimati ed eucaristizzati. Il periodo della preparazione e della celebrazione del Sinodo è stato per voi come l’essere vissuti in un «Cenacolo», in maniera analoga agli apostoli e a Maria. Dopo aver ricevuto lo Spirito santo essi ne uscirono fortificati e più coraggiosi nell’annuncio e nella testimonianza. Allo stesso modo anche voi dovrete sentirvi missionari intrepidi, disponibili ad essere protagonisti nella costruzione dell’edificio spirituale che è la Chiesa e nell’animazione cristiana della società, assieme a tutti quei giovani che riuscirete a rendere amici di Colui che è venuto per rendere nuove tutte le cose, quelle del cielo e quelle della terra.  Correte velocemente. Correte attratti da quel Volto tanto amato, che adoriamo nella santa Eucaristia e riconosciamo nella carne del fratello sofferente. Lo Spirito santo vi sospinga in questa corsa in avanti. La Chiesa e il mondo hanno bisogno del vostro slancio, delle vostre intuizioni, della vostra fede. Ne abbiamo bisogno come Chiesa di Faenza-Modigliana! E quando arriverete dove noi non siamo ancora giunti, abbiate la pazienza di aspettarci (cf Christus vivit, n. 299). Buon lavoro!

 

                                                                       + Mario Toso

                                                           Vescovo di Faenza-Modigliana

 

[1] Cf FRANCESCO, Christus vivit. Esortazione Apostolica Postsinodale ai giovani e a tutto il Popolo di Dio, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2019.

[2] Cf CV, nn. 64-109.



Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Coldiretti: zucchero 100% italiano negli agriturismi dell

Terranostra e CoProB firmano il “Patto per lo zucch ...

A Zattaglia torna la tradizionale Via Crucis del venerdì santo

Dalle ore 20, venerdì 19 aprile, alla presenza del ...

Feste e Sagre premia più di 30 scuole

Sabato 30 marzo la cerimonia di consegna a Errano

carta bianca

Rubriche

La gioia della laurea? Più bella se condivisa

La gioia della laurea? Più bella se condivisa

Madre e figlio conseguono, lo stesso giorno, la laure ...

Osservatorio sociale Fnp Cisl

Osservatorio sociale Fnp Cisl

OsCo: Ospedale di Comunità

Di palo in frasca

Di palo in frasca

La carioca Baby Luna

Nino Tini, un personaggio singolare

Nino Tini, un personaggio singolare

Ricordo di un contadino appassionato di tradizioni e tipicit ...
libri su p.Daniele SIR adorazione fondazione dalle fabbriche via crucis pasqua Anspi sant'andrea serata seminario Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza in un vortice di polvere Filosofi e cinema Libro di Padre Daniele famiglie abili papa francesco