Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Per 100 km, Laudato Sì

Per 100 km, Laudato Sì

La 100Km del Passatore è la più bella corsa podistica del mondo anche per le bellezze naturali che si incontrano: di giorno e di notte, sui due versanti dell’Appennino, una varietà di ambienti e di panorami che incantano.Dalla salita di Fiesole con la vista di Firenze dall’alto, al Mugello, ai boschi del crinale, ai ruscelli, ai prati di Casaglia, ai Tre Colli di Brisighella, dal tramonto all’alba, c’è veramente da rifarsi gli occhi e magari da dire: “Laudato si’!”. Laudato sì con san Francesco e col suo Cantico delle Creature e Laudato sì con papa Francesco e la sua Enciclica sulla cura della casa comune del creato che offre diversi spunti di riflessione anche ai podisti.

Nella Laudato sì (LS) il Papa ci invita a contemplare il creato: “Tutto l’universo materiale è un linguaggio dell’amore di Dio, del suo affetto smisurato per noi. Suolo, acqua, montagne, tutto è carezza di Dio (LS 84). La natura è piena di parole d’amore, ma come potremo ascoltarle in mezzo al rumore costante, alla distrazione permanente e ansiosa?...

Un’ecologia integrale richiede di dedicare un po’ di tempo per recuperare la serena armonia con il creato…” (LS 225).

La LS ci esorta anche a vivere tutto con serena attenzione, rimanendo pienamente presenti davanti a qualcuno senza stare a pensare a ciò che viene dopo (LS 226). Penseremo dunque al traguardo, ma intanto proveremo a goderci la strada, fatta di paesaggi splendidi e anche di tante persone, di incontri, di incoraggiamenti, di aiuto reciproco.

La LS ci richiama poi a rispettare l’ambiente che attraversiamo. ‘Sora nostra madre terrà protesta per il male che le provochiamo, a causa dell’uso irresponsabile e dell’abuso dei beni che Dio ha posto in lei. Siamo cresciuti pensando di essere suoi proprietari e dominatori, autorizzati a saccheggiarla. (LS 2). Sono parole che valgono per tutti, anche per noi: perché ad esempio buttare a terra tanti bicchieri? Forse la stanchezza ci ha fatto saltare i freni inibitori e l’effetto branco fa il resto. Certo che la scia di rifiuti dopo i posti di ristoro non è proprio un bello spettacolo, anche se poi i bravissimi volontari puliscono tutto.

In questo opuscolo ho segnalato alcune tappe. Molte sono puramente indicative: di alberi, torrenti, fiori, lungo la 100 ce ne sono tantissimi e ci si potrebbe fermare ad ammirare qualcosa di bello in ogni punto del percorso.

Questo libretto è disponibile presso alcuni punti di ristoro, la sede della 100Km, la libreria Cultura Nuova di Faenza, il sito parrocchiasansavino.it

Buona 100Km a tutti!

don Luca



Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

"Si prospetta una vendemmia bellissima"

A dirlo è Giordano Zinzani, presidente del Con ...

Granarolo piange la scomparsa di Luigi Altini

Il fondatore della O.R.I. si è spento il giorn ...

La Regione investe 5,5 milioni di euro per i boschi dell

49 progetti per conservare la biodiversità, di ...

Danni da fauna selvatica, dalla Regione 400 mila euro alle imprese agricole e zootecniche

Contributi fino a 2.500 euro per installare sistemi d ...

carta bianca

Rubriche

Al via un nuovo servizio di consulenza per l

Al via un nuovo servizio di consulenza per l'orientamento scolastico

il servizio è gratuito ed è rivolto a r ...

Minacce all

Minacce all'Avvenire di Calabria, la solidarietà della diocesi di Lamezia

“Vicenda che suscita preoccupazione per il clim ...

Brio, Alegra e Agrintesa per una piena integrazione

Brio, Alegra e Agrintesa per una piena integrazione

Con l’ingresso di Mauro Laghi come nuovo dirett ...

La gioia della laurea? Più bella se condivisa

La gioia della laurea? Più bella se condivisa

Madre e figlio conseguono, lo stesso giorno, la laure ...

libri su p.Daniele SIR papa giovani fondazione dalle fabbriche mostra torneo diocesi Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI spiaggia_luglio gita torino Biblioteca digitale Faenza Filosofi e cinema papa francesco Libro di Padre Daniele