Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

La Regione investe 5,5 milioni di euro per i boschi dell'Emilia-Romagna

49 progetti per conservare la biodiversità, diradare le specie infestanti e alloctone, vivere le foreste e creare nuova economia verde. Finanziati anche quattro "boschi in pianura"

La Regione investe 5,5 milioni di euro per i boschi dell

Interventi per conservare gli habitat naturali, la biodiversità e gli antichi edifici testimoni della vita agraria dell’Appennino, a partire da quelli un tempo utilizzati per essiccare le castagne; riqualificare quattro “boschi in pianura”, veri e propri polmoni verde alle porte di città e dei centri abitati di Modena, Podenzano (Pc), Fontanellato (Pr) e Conselice (Ra); creare percorsi didattici, escursionistici e aree di sosta attrezzate per far vivere i boschi dell’Emilia-Romagna e diradare le specie alloctone e infestanti.

Sono alcuni dei 49 i progetti finalizzati ad accrescere la resilienza - ovvero la capacità dei sistemi di adattarsi ai cambiamenti - e il pregio ambientale delle aree forestali che la Regione Emilia-Romagna ha finanziato con 5 milioni e mezzo di euro.

“Da Piacenza a Rimini, dalle aree pianeggianti all’Appennino, la risposta al cambiamento climatico passa anche da una gestione sempre più sostenibile del bosco- afferma l’assessore regionale all’ambiente, Paola Gazzolo- capace di mantenere le sue molteplici funzioni: la produzione di legna e di altri prodotti che rappresentano una fonte integrativa di reddito per chi vive in Appennino, la prevenzione del rischio idrogeologico e la riduzione di Co2”.

In particolare, in provincia di  Forlì-Cesena saranno finanziati 9 interventi per un totale di quasi 1 milione e 100 mila euro mentre al territorio ravennate spettano 416 mila euro per 4 lavori.

“I boschi sono il grande patrimonio verde dell’Emilia-Romagna- prosegue Gazzolo-, cresciuto del 20% negli ultimi 30 anni e arrivato ad occupare 600 mila ettari della superficie regionale: l’obiettivo è valorizzarli e renderli sempre più attraenti e fruibili in chiave turistica o ricreativa, recuperando anche elementi del paesaggio rurale che costituiscono il tratto dell’identità e la storia delle popolazioni dell’Appennino. È da progetti come questi-chiude- che si possono compiere passi avanti importanti per l’ambiente, le aziende agricole e il futuro stesso sia della montagna sia della pianura”.

 

Gli interventi per provincia

Alla provincia di Forlì-Cesena sono assegnati complessivamente quasi 1 milione 100 mila euro (1.080.971) per 9 progettiTre riguardano il territorio di Bagno di Romagnaper oltre 390 mila euro: permetteranno la riqualificazione di boschi ad alto fusto dall’elevato valore paesaggistico a Molino delle Cortine, Campo di Sopra, Ca' di Veroli e Riacci, oltre che la realizzazione di sentieri, piazzole e aree di sosta attrezzate per migliorare la fruizione e la conoscenza delle aree forestali nell’Alto e nel Basso Bidente di Pietrapazza (110.674,47 euro); due altri interventi della stessa natura sono previsti nel Basso Bidente di Ridracoli, tra Poggio La Vecchia e Monte La Rocca, e nell’Alto Bidente (Ridracoli, Pratalino, La Casetta, Farniole, Le Caselle, Fosso del Molino, Fossone) per più di 280 mila euro.

Premilcuore apriranno due cantieri forestali da 173 mila euro: con 81 mila euro sarà recuperato il sentiero dell’ex Strada Fiorentina; oltre 91 mila serviranno per dare nuova vita al fabbricato rurale denominato "Castellana", per farne un punto di sosta a disposizione degli escursionisti.

Santa Sofia è stato finanziato un investimento complessivo di oltre 236 mila euro per la manutenzione straordinaria e la riqualificazione dell'area turistico ricreativa che si trova in località Valdonasso di Sotto (quasi 116 mila euro) e il restauro con risanamento conservativo di una porzione di un fabbricato rurale a San Paolo in Alpe, importante testimonianza storica e dell’architettura rurale della zona (120.309 euro).

Portico e San Benedetto si interverrà con circa 148 mila euro nelle località Selvatiche, Bagnoli e Pian di Mezzo per il miglioramento ecologico e i diradamenti della vegetazione, la fruizione pubblica e l’attivazione di percorsi escursionistici nel bosco dell’Alto Lamone e dell’Alto Tramazzo; un unico progetto riguarda complessivamente i territori di Santa Sofia, Galeata, Civitella di Romagna e Bagno di Romagna dove, con oltre 130 mila euro, si realizzeranno una serie di opere conservative di boschi di elevato valore storico testimoniale, con il recupero di infrastrutture tipiche dei paesaggi forestali, in particolare gli edifici un tempo adibiti ad essiccatoi per le castagne. 

 

Il territorio ravennate beneficerà di 416 mila euro per quattro progetti di forestazione. Si tratterà di lavori per diradamento dei boschi per favorire il rinnovo delle alberature e accrescere la resistenza alle avversità e ai cambiamenti del clima, oltre che per conservare edifici rurali presenti lungo i percorsi escursionistici in Comune di Brisighella, nella località Cà Malanca, Prati, Castagneto di Vigo, Castagneti di Malanca e in altri punti del complesso forestale "Alto Lamone" (119.541), oltre che nella Tenuta “I Boschi di Villa Corte” di proprietà dell’Asp Romagna Faentina (141.317 euro); nel complesso forestale "Alto Lamone" in Comune di Brisighella, e nel complesso forestale "Alto Senio", in comune di Casola Valsenio (100.700).

Conselice, sarà riqualificato il “bosco in pianura” che si affaccia sull’area di via Dalle Vacche, adiacente al municipio (54.995). Si eliminerà la vegetazione instante, verranno realizzate piccole strutture per ospitare la nidificazione della fauna e sarà creato un percorso didattico ed escursionistico.



Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Meteo, allerta gialla per venerdì 6 settembre

In arrivo precipitazioni anche superiori a 70 mm e ra ...

Brisighella, modifiche alla viabilità

Nei prossimi giorni in occasione della “Corsa d ...

"Si prospetta una vendemmia bellissima"

A dirlo è Giordano Zinzani, presidente del Con ...

carta bianca

Rubriche

L

L'ombra del disagio sui banchi

Aumento delle certificazioni e dei bisogni speciali, ...

Tartarughe e altri animali esotici: scade il termine per denunciarne il possesso

Tartarughe e altri animali esotici: scade il termine per denunciarne il possesso

Per legge i proprietari devono farlo entro il 31 agos ...

Al via un nuovo servizio di consulenza per l

Al via un nuovo servizio di consulenza per l'orientamento scolastico

il servizio è gratuito ed è rivolto a r ...

Minacce all

Minacce all'Avvenire di Calabria, la solidarietà della diocesi di Lamezia

“Vicenda che suscita preoccupazione per il clim ...

libri su p.Daniele SIR papa giovani calciotto fondazione dalle fabbriche creato polis Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI mostra Biblioteca digitale Faenza torneo diocesi Libro di Padre Daniele gita torino Filosofi e cinema papa francesco