Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Coronavirus, nuove limitazioni per passeggiate e spostamenti in bicicletta

Le passeggiate per motivazioni di salute o con l’animale domestico devono avvenire in prossimità dell’abitazione, chiusi in tutta la regione parchi e giardini pubblici. Le misure saranno in vigore fino al 3 aprile.

Coronavirus, nuove limitazioni per passeggiate e spostamenti in bicicletta

Nuove restrizioni in Emilia-Romagna per quanto riguarda luoghi di aggregazione come parchi e giardini pubblici e lo spostamento delle persone fisiche. Lo prevede l’ordinanza firmata nella serata di ieri dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, varata per contrastare con ancora maggiore decisione la diffusione del Coronavirus L’obiettivo è sempre quello di ridurre i contatti tra le persone, principale veicolo di trasmissione del virus. Il provvedimento vale in tutto il territorio regionale da oggi stesso fino al 3 aprile prossimo.

In base all’ordinanza, vengono chiusi al pubblico parchi e giardini pubblici.

Viene poi limitato l’uso della bicicletta, consentito esclusivamente “per le motivazioni ammesse per gli spostamenti delle persone fisiche”: quindi ragioni di lavoro, di salute o altre necessità, come ad esempio gli acquisti di generi alimentari.

Identica limitazione per gli spostamenti a piedi. Un’unica deroga è possibile: se la motivazione è legata alla necessità di praticare attività motoria - come ad esempio una passeggiata per ragioni di salute, oppure l’uscita con l’animale di compagnia per le sue esigenze fisiologiche - si è obbligati a restare in prossimità della propria abitazione.

Con l’ordinanza scattano altre prescrizioni. Si stabilisce infatti che l’apertura degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande che sono collocati nelle aree di servizio e di rifornimento carburante è consentita unicamente lungo la rete autostradale e lungo la rete delle strade extraurbane principali.

Se invece questi esercizi si trovano lungo le strade extraurbane secondarie, la loro apertura è consentita limitatamente alla fascia oraria che va dalle 6.00 alle 18.00, dal lunedì alla domenica.

Non è consentita, invece, la normale apertura per gli esercizi che si trovano nelle aree di servizio e rifornimento collocate nei tratti stradali interni ai centri abitati.



sfoglia la rivista
Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Lugo, sventato furto al cimitero

Tre individui stavano armeggiando nella notte con un ...

Ondate di calore: attivo il piano di Ausl ed enti locali

Enti locali e mondo del volontariato in campo a soste ...

L

Tutti gli indicatori sono positivi, in particolare l& ...

 Sanità, Carradori torna in Romagna

Dopo essere stato direttore dell’Ausl di Ravenn ...

carta bianca

Rubriche

David Sassoli ricorda la figura di Bruno Neri

David Sassoli ricorda la figura di Bruno Neri

Con un post sul proprio profilo il presidente del par ...

A Terra Condivisa raccogliamo per voi!

A Terra Condivisa raccogliamo per voi!

Continua l’abbinamento tra frutta e verdura di ...

I giovani comprano droghe dal web

I giovani comprano droghe dal web

L’allarme lanciato dalla Comunità Papa G ...

Il Forum Mondiale delle Cooperative Vinicole fa il punto sulla situazione globale

Il Forum Mondiale delle Cooperative Vinicole fa il punto sulla situazione globale

L’incontro, organizzato da Caviro, ha fatto il ...

libri su p.Daniele SIR papa giovani NOVENA P DANIELE fondazione dalle fabbriche adorazione eucaristica estate al passo dress again Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza terme riolo quisisana caroli unitalsi tre giorni biblica progetto targhe Libro di Padre Daniele casa nivella papa francesco