Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Coronavirus, la testimonianza di Cristian Malavolti

Ex cavaliere, vincitore di una Bigorda d’Oro nel 2000 con i colori del Rione Verde, ha reso noto tramite il primo cittadino Giovanni Malpezzi, la sua battaglia contro il Covid-19

Coronavirus, la testimonianza di Cristian Malavolti

Una lettera per ringraziare medici e sanitari, per ricordare a tutti quanto sia importante rispettare le regole vigenti ma anche un messaggio di speranza perché la battaglia contro il virus che da giorni tiene sotto scacco l’Italia si può vincere.

Questo il contenuto del messaggio che Cristian Malavolti, ricoverato attualmente a Ravenna e positivo al Coronavirus, ha indirizzato al sindaco di Faenza.

Malpezzi, ovviamente con il consenso dell’interessato, ha pubblicato integralmente il messaggio sulla sua pagina Facebook tramite la quale da giorni tiene informata la cittadinanza sull’andamento della pandemia a Faenza.

Ciao Giovanni,
sono Cristian Malavolti… purtroppo la gente non capisce fino in fondo quello che sta succedendo intorno e in mezzo a noi. Ci sono giovani e meno giovani che tutt’ora trasgrediscono alle poche regole imposte per uscire a farsi giri inutili senza pensare che così mettono in rischio l’intero sistema… rischiando di farlo collassare ogni volta… ci sono persone invece che devono lavorare per forza e per senso di responsabilità per garantire i servizi primari.

Io ad esempio in Tim ho lavorato fino a martedì stando attento a tutto ma felice di poter mantenere in contatto le persone… per non parlare di tutti quegl’angeli del sistema sanitario che per stipendi ridicoli sono lì in prima linea, col sorriso sulla faccia, pronti a farti coraggio e ad assisterti facendo turni massacranti per garantire che tutti possano continuare a vivere.
La gente che fino a ieri ha criticato il nostro sistema sanitario dovrebbe chiedere scusa, non ci sono battaglie politiche che tengano ma solo impulsi individuali che portano persone speciali a fare quello per cui sono votati… aiutare il prossimo, persone che non conoscono e che non vedranno neanche mai più probabilmente.

Io sto combattendo la mia battaglia e grazie a loro la sto vincendo, sono ricoverato a Ravenna e positivo al Covid-19, le mie condizioni ora sono buone e a giorni tornerò a Faenza a finire la quarantena in via domiciliare.

Questo messaggio è per esporre la mia preoccupazione verso chi ancora non capisce e vive con leggerezza, per ringraziare tutti quelli che lavorano incessantemente affinché passi questa pandemia e per ringraziare anche lei per il lavoro puntuale di informazione che sta facendo mostrando tutta la preoccupazione dovuta.

Andrà tutto bene e ce la faremo.
A presto



sfoglia la rivista
Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Lugo, sventato furto al cimitero

Tre individui stavano armeggiando nella notte con un ...

Ondate di calore: attivo il piano di Ausl ed enti locali

Enti locali e mondo del volontariato in campo a soste ...

L

Tutti gli indicatori sono positivi, in particolare l& ...

 Sanità, Carradori torna in Romagna

Dopo essere stato direttore dell’Ausl di Ravenn ...

carta bianca

Rubriche

David Sassoli ricorda la figura di Bruno Neri

David Sassoli ricorda la figura di Bruno Neri

Con un post sul proprio profilo il presidente del par ...

A Terra Condivisa raccogliamo per voi!

A Terra Condivisa raccogliamo per voi!

Continua l’abbinamento tra frutta e verdura di ...

I giovani comprano droghe dal web

I giovani comprano droghe dal web

L’allarme lanciato dalla Comunità Papa G ...

Il Forum Mondiale delle Cooperative Vinicole fa il punto sulla situazione globale

Il Forum Mondiale delle Cooperative Vinicole fa il punto sulla situazione globale

L’incontro, organizzato da Caviro, ha fatto il ...

libri su p.Daniele SIR papa giovani NOVENA P DANIELE fondazione dalle fabbriche adorazione eucaristica dress again Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza terme riolo quisisana caroli unitalsi tre giorni biblica progetto targhe Libro di Padre Daniele casa nivella papa francesco