Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Gelo, danno enorme per frutta e verdura

Compromesse le coltivazioni di albicocche, danni importanti su pesche, susine, kiwi e pere

Gelo, danno enorme per frutta e verdura

Una gelata terribile, completamente fuori stagione che si abbatte su tutte le produzioni di frutta e verdura nel momento peggiore e colpisce con violenza un comparto già gravemente provato dalle difficoltà del 2019 mettendo centinaia di aziende agricole emiliano-romagnole, in particolare del settore frutticolo, a rischio di sopravvivenza: “Il danno è enorme – commenta Davide Vernocchi, presidente di Apo Conerpo, Organizzazione di Produttori con sede a Villanova di Castenaso (Bo) che raccoglie 6.000 soci produttori agricoli (in maggioranza dell’Emilia-Romagna), riuniti in 51 cooperative -: dalle drupacee al kiwi, la gelata ha colpito le produzioni in una fase cruciale per lo sviluppo dei frutti. In un momento così difficile è davvero un brutto colpo per tutto il mondo agricolo, frutticultori in primis”.

L’improvviso crollo delle temperature, scese sotto lo zero già intorno alle 20 di lunedì sera e rimaste tali fino alle 7 di questa mattina, ha colpito le piante nel pieno della fase di allegagione, il delicato momento successivo alla fioritura in cui prende il via lo sviluppo dei frutti: “Per le drupacee il danno è imponente: è compromessa quasi la totalità della produzione di albicocche – prosegue Vernocchi - e molto ingenti sono i danni su pesche nettarine e susine, così come sulle delicate coltivazioni di kiwi giallo. Resta da valutare l’impatto sulle pomacee, in particolare per quanto riguarda le pere, il cui sviluppo era più arretrato rispetto a quello degli altri frutti”.

Un colpo durissimo che si abbatte su un settore già pesantemente colpito dalle difficoltà del 2019: “Lo scorso anno – prosegue Vernocchi – il mondo agricolo si è trovato a dover affrontare diverse emergenze: da quella climatica, con le anomale precipitazioni di maggio e l’estate particolarmente siccitosa, a quelle legate all’esplosione di diverse patologie della frutta, oltre ai ben noti e diffusi danni causati dalla cimice asiatica. Questa gelata colpisce un settore già fortemente provato e che, pur nelle difficoltà, sta mettendo il massimo impegno per far fronte alle richieste di frutta e verdura fresche nonostante l’epidemia in corso e tutte le criticità a essa connesse”.

“In questo quadro di generale e prolungata sofferenza, la sopravvivenza di migliaia di aziende agricole – conclude Vernocchi – è seriamente a rischio: occorre che la Regione Emilia-Romagna e il Governo, che pur si trovano ad affrontare un’emergenza senza precedenti, si attivino immediatamente per prevedere delle iniziative a tutela delle imprese agricole danneggiate da questa gelata. Se perdiamo gli agricoltori, chi garantirà la presenza di frutta e verdura fresche nei banchi dei supermercati?”.



sfoglia la rivista
Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Museo Diffuso: dal weekend prime riaperture

Visite possibili con mascherina e misure di prevenzio ...

Brisighella, 78enne soccorso in casa e salvato

L’anziano vive da solo ed era rimasto vittima d ...

Pagamento dell

Per TARI, TOSAP e imposta sulla pubblicità - i ...

Steward per gli accessi in ospedale e nelle strutture Ausl

Dal 20 maggio il personale assicura nei 56 principali ...

carta bianca

Rubriche

Dopo 40 anni, i primi risultati

Dopo 40 anni, i primi risultati

Brasile, l’esperienza di Vila Misionaria

Festa per tutti

Festa per tutti

Sabato 9 maggio, festa della Beata Vergine delle Graz ...

Faenza, 10 video-documentari su Lepida Tv tra musica, arte e ceramica

Faenza, 10 video-documentari su Lepida Tv tra musica, arte e ceramica

I video saranno programmati dal 5 al 17 maggio

Musica a domicilio, tra cortili e balconi

Musica a domicilio, tra cortili e balconi

L’idea è di Giordano Sangiorgi, reduce d ...

libri su p.Daniele SIR papa giovani fragole fondazione dalle fabbriche rosario orari messe Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza caritas coronavirus scout Libro di Padre Daniele casa nivella papa francesco