Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Coronavirus, sono 1.078 i casi a Faenza

31 le positività emerse il 18 novembre, 256 quelle registrate nel corso di una settimana. Si allunga purtroppo anche la lista delle vittime del covid: sono 3 i nuovi decessi e il totale sale così a 23

Coronavirus, sono 1.078 i casi a Faenza

Come sta avvenendo in tutta Italia, anche a Faenza la curva del contagio ha rialzato decisamente la testa. Sono dunque in aumento i casi positivi, con una forte accelerazione a partire da metà ottobre: sono 1.078 quelli accertati da inizio epidemia, 256 registrati nel corso dell’ultima settimana, con una media di circa 36 al giorno. Quest’ultimo dato in particolare è in aumento rispetto ai 25 contagi mediamente registrati durante le settimane precedenti.

Purtroppo a Faenza si registrano anche tre ulteriori decessi dovuti al covid-19 e il totale di faentini scomparsi arriva così a 23.


 

Ad informare la cittadinanza sull’andamento del contagio a Faenza è stato il primo cittadino, Massimo Isola, attraverso la sua pagina ufficiale Facebook.


 

Questo il suo intervento integrale, relativo all’andamento epidemiologico e alle sue ripercussioni sul territorio faentino:

I dati confermano il trend in continuo aumento dei positivi al covid, diventato particolarmente consistente nelle ultime settimane, a #Faenza come nel resto della provincia e della regione. ⁣

Oggi nel nostro Comune si registrano 31 nuovi positivi, nell’ultima settimana da mercoledì scorso ad oggi 256, per un totale, da inizio pandemia di 1.078 contagiati. Purtroppo in questi ultimi sette giorni piangiamo anche 3 persone decedute. ⁣

Come noto, si tratta generalmente di anziani con patologie pregresse, ma non cadiamo nell’errore di assumerlo come dato scontato: oggi ad esempio, in #Provincia è venuto a mancare un uomo di 50 anni.⁣

Nonostante le difficoltà, il tracciamento dei contatti regge. Sul totale dei nuovi positivi di oggi in Provincia, 130 casi, ben 99 riguardano persone asintomatiche di cui 74 individuati tramite tracciamento. ⁣

Continuo però a ricevere segnalazioni da parte di persone in quarantena preventiva perché individuati come contatti sensibili che tardano ad essere prese in carico dall’#Ausl.

Il sistema è sotto pressione, non c’è dubbio, posso però testimoniare che, nonostante le difficoltà, tutto il personale impiegato su questo fronte sta dando il massimo.⁣

Capitolo #scuole. Sono terminate le due settimane di sospensione della didattica in presenza nella primaria Don Milani.⁣

Ho avuto rassicurazione che entro la settimana verranno convocati i consigli di classe per fare il punto della situazione. Allo stesso modo ho chiesto vengano al più presto coinvolti i rappresentanti di classe delle medie Europa, i cui alunni insieme al personale docente e non docente, nella giornata di oggi sono stati tutti sottoposti a tampone nel nuovo punto drive through attivato nel parcheggio della zona sportiva Graziola. ⁣

In questo momento credo ci sia bisogno di un contatto costante più stretto e tempestivo fra scuole e famiglie, perché laddove c’è carenza di informazioni complete e corrette, purtroppo si lascia spazio alle supposizioni, che finiscono per creare confusione e inutili ansie.

Nel caso specifico della #scuola Europa ad esempio, la valutazione complessiva di sospensione delle attività fino ad esito dei tamponi non ha riguardato tanto la positività di tre insegnanti ma il fatto che, essendo docenti di materie trasversali, risultavano essere stati in presenza con l’80% delle classi. ⁣

In queste situazioni le decisioni sono assunte secondo il principio di massima cautela per evitare guai peggiori, un insieme di fattori unici, caso per caso, nonostante possa sembrare sia stata usata disparità rispetto a casi simili. ⁣

Giusto pretendere la massima informazione, quindi - tutelando la privacy - ma allo stesso tempo dobbiamo dare fiducia alle istituzioni sanitarie e scolastiche.⁣

In chiusura una considerazione più personale che in realtà attiene al ruolo di sindaco e all’uso di questi aggiornamenti. ⁣Pur apprezzandone l’utilità, qualcuno li ha ritenuti “freddi” perché non fanno percepire alcuno stato d’animo.

Questa considerazione mi permette di dire che a livello personale vivo come tutti le emozioni e le preoccupazioni del momento. Ma la vera tensione è la consapevolezza di dover affrontare in modo concreto tre emergenze: quella sanitaria, insieme all’Ausl, vedi ad esempio l’attivazione del nuovo punto tamponi; quella economica con le misure di sostegno straordinarie già messe in campo, soldi subito alle attività penalizzate dai Decreti; infine l’emegenza sociale per persone e famiglie che hanno bisogno subito di aiuti, non domani o dopodomani.

Se a primavera l’irruzione della pandemia ha sconvolto le nostre vite, creando un dibattito a tutti i livelli, ora dobbiamo soprattutto rimboccarci le maniche e agire. E’ un fatto di priorità.⁣



sfoglia la rivista
Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Giunta dell

La distribuzione delle deleghe era un atto nec ...

 Apre un punto drive through a Marradi

Il servizio scatta dalla prossima settimana, il marte ...

Allarme siccità, è un autunno senza piogge

Coldiretti: “Agricoltori preoccupato in vista d ...

carta bianca

Rubriche

Controcorrente

Controcorrente

Riceviamo e pubblichiamo

L

L'astrologo meridiano in mostra a Roma

Continua l’attività di prestito da parte ...

Consegnate le borse di studio all

Consegnate le borse di studio all'I.T.I.P. Bucci di Faenza

A premiare i migliori alunni è stata, come avv ...

libri su p.Daniele SIR papa giovani NOVENA P DANIELE biglietti 01 fondazione dalle fabbriche adorazione eucaristica VIGNETTA ottobre biglietti 02 biglietti 03 rosario dress again tornielli Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza caroli unitalsi Libro di Padre Daniele papa francesco