Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Coronavirus, anche a Faenza i nuovi casi sono in lieve aumento

I casi emersi nell’ultima settimana sono 180 per un totale di 3.472 da inizio pandemia. Si registra un nuovo decesso decessi e sono così 105 i faentini che hanno perso la vita da inizio pandemia

Coronavirus, anche a Faenza i nuovi casi sono in lieve aumento

Come avviene a livello nazionale e regionale, anche a Faenza l’epidemia sembra rialzare la testa e si registra dunque un lieve innalzamento dei nuovi contagi.

Nel corso dell’ultima settimana i nuovi casi sono stati 180, (contro i 103 della scorsa settimana), numeri fortunatamente ancora lontani rispetto ai momenti più difficili vissuti negli scorsi mesi. Sono così 3.472 le persone complessivamente positive al coronavirus, da inizio pandemia, pari circa al 5,5% dei residenti. In città i casi attivi, registrati al 21 febbraio, nel report settimanale di Ausl Romagna, sono 329 (erano 222 il 14 febbraio) mentre complessivamente sono 105 i cittadini faentini scomparsi a causa del covid.


 

Ad informare la cittadinanza sull’andamento del contagio a Faenza è stato il primo cittadino, Massimo Isola, attraverso la sua pagina ufficiale Facebook.

Questo il suo intervento integrale, relativo all’andamento epidemiologico e alle sue ripercussioni sul territorio faentino:


 

Carissimi, quello di stasera è un post con pochi dati ma più di contesto, perché in questo momento credo sia necessario comprendere bene l’evoluzione della pandemia e gli scenari che ci attendono anche in conseguenza delle decisioni di governo e regione. ⁣⁣

⁣⁣

La situazione dei nuovi #contagi si è aggravata in diverse zone del Paese, compresa l’Emilia-Romagna che è tornata ad essere, fino all’11 marzo, zona arancione. Qualcuno inizia a parlare di “terza ondata”. Speriamo non sia così. ⁣⁣

In ogni caso, nonostante l’inizio della campagna vaccinale, dobbiamo fare il meglio che possiamo per contrastarla, senza tralasciare nulla. ⁣⁣

⁣⁣

Per quanto riguarda la romagna in generale e #Faenza nello specifico, dopo settimane di stabilizzazione dei dati, si tratta di un innalzamento dei contagi ancora lieve ma significativo, 282 positivi in più per la romagna rispetto alla settimana precedente, 77 a Faenza che è passata dai 103 positivi di 15 giorni fa ai 180 della settimana scorsa. ⁣⁣

Ad oggi questa crescita non ha ancora avuto un riflesso sulle ospedalizzazioni ma si teme che il trend possa essere in ulteriore peggioramento a causa del diffondersi delle cosiddette #varianti del virus che hanno un tasso di contagio più elevato e che sembra colpiscano principalmente la fascia d’età dei bambini e dei ragazzi. ⁣⁣

⁣⁣

Al centro dell’attenzione in questo momento ci sono perciò le #scuole. Anche a Faenza stiamo iniziando a vedere le conseguenze di questo legame tra varianti covid-ragazzi. Sono numerosi i casi di positività che costringono intere classi di ogni ordine e grado al monitoraggio tramite #tampone. ⁣⁣

Il drive through della #Graziola non è mai stato così affollato di bambini e ragazzi come in questi giorni, con tempi di attesa che si sono purtroppo allungati, anche se, per fortuna, le quarantene di classi intere continuano ad essere limitate e rari i casi in cui il contagio si è diffuso. Ciò a conferma che le scuole sono ambienti generalmente sicuri mentre è nei contesti di frequentazione dei ragazzi al di fuori della scuola su cui occorrerebbe maggiore attenzione e prudenza. ⁣⁣

Una raccomandazione sempre valida che mi sento di rivolgere ancora una volta alle famiglie. ⁣⁣

⁣⁣

È critica, invece, la situazione delle aree che gravitano attorno all’asse #Imola - Bologna, in particolare nell’area imolese che registra un incremento dei contagi consistente. Al punto che a partire da domani, giovedì 25 febbraio e fino all’11 marzo, per 14 Comuni, si è decisa di adottare la zona arancione scura, cioè misure specifiche ancora più stringenti a tutela della salute dei cittadini. ⁣⁣

Per l’Unione della Romagna faentina è coinvolta Riolo Terme. Nulla cambia per le attività economiche ma saranno vietati tutti gli spostamenti, sia all’interno dello stesso comune che verso comuni limitrofi, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità (come acquisto di beni) o motivi di salute. ⁣⁣

Continueranno in presenza i servizi dei #nidi d’infanzia e delle materne 0-3 anni, mentre tutte le attività didattiche per le scuole di ogni ordine e grado si svolgeranno a distanza. Sospesi anche tutti gli #eventi sportivi, così come l’attività svolta nei centri sportivi. ⁣⁣

⁣⁣

Faenza è subito ai margini di questa zona e ovviamente ne risente. Speriamo che la somma di tutte le misure di contenimento della diffusione del virus e il senso di responsabilità di ciascuno risultino efficaci. ⁣⁣

⁣⁣

Tema #vaccinazioni. In questi giorni si sta ultimando la vaccinazione del personale delle strutture socio-sanitarie e della popolazione ultra 85enne, sia a domicilio che nelle sedi vaccinali. ⁣⁣

⁣⁣

La novità importante è che partiranno a brevissimo i vaccini a tutto il personale scolastico. ⁣⁣

Non sappiamo ancora il giorno esatto ma i vaccini sono già arrivati e a disposizione. Allo scopo sono stati coinvolti i medici di medicina generale, con i quali è stato stretto un accordo di collaborazione specifico. Ormai è chiaro che il coinvolgimento dei #medici di base diventerà sempre più essenziale per il buon esito della campagna di vaccinazione complessiva della popolazione. ⁣⁣

⁣⁣

Come Comune continueremo a mettere a disposizione gli spazi allestiti al centro fieristico, che i primi riscontri confermano essere davvero funzionali. Di ciò siamo molto contenti. È una macchina pronta capace di andare molto veloce. Purtroppo non dipende da noi o dall’ausl se al momento va a ritmo ridotto ma esclusivamente dalla dotazione dei vaccini. Non possiamo incidere in questo processo. ⁣⁣

Siamo in fase di #emergenza e possiamo agire solo di conseguenza, senza certezze, con un numero indicativo di dosi comunicato di volta in volta, per ora in misura minore di quanto previsto. ⁣⁣

⁣⁣

Invito perciò maestri, #professori, educatori, operatori e collaboratori delle scuole di ogni ordine e grado e dei servizi educativi da 0-3 anni a contattare direttamente il proprio medico di base, unica modalità, questa, per prenotarsi. ⁣⁣

⁣⁣

Si tratta di una occasione davvero importante. Sono certo che il mondo della scuola risponderà alla grande. ⁣⁣

⁣⁣

Buona serata.