Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Solidarietà e vicinanza al sindaco di Ravenna Michele De Pascale

Il primo cittadino, come Andrea Gnassi e Alan Fabbri, ha ricevuto una lettera di minacce firmata dalle “Nuove Brigate Rosse”. La solidarietà del mondo economico, politico e sociale

Solidarietà e vicinanza al sindaco di Ravenna Michele De Pascale

Anche il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale, è tra i primi cittadini che hanno ricevuto la delirante lettera di minacce firmata dalle “Nuove Brigate Rosse”, con tanto di simbolo nell’intestazione. La missiva, dove si contestano le misure restrittive varate per contenere la diffusione del coronavirus, è stata indirizzata anche ad Alan Fabbri, sindaco di Ferrara e Andrea Gnassi, sindaco di Rimini.

Attorno a De Pascale si è stretto il mondo economico, politico e sociale che hanno espresso al sindaco vicinanza e solidarietà.

Ecco alcune reazioni:

Confcooperative Forlì-Cesena e Confcooperative Ravenna-Rimini

«In un momento così delicato è di vitale importanza restate uniti e mostrarci solidali gli uni con gli altri - dichiarano i vertici delle Unioni territoriali della Romagna -. È inconcepibile, a nostro avviso, dover assistere proprio in questi giorni ad atti di tale vigliaccheria e intollerabilità. Siamo vicini ai sindaci di Ferrara, Forlì, Modena, Ravenna e Rimini ai quali va tutta la nostra solidarietà per tornare a lavorare e amministrare le nostre città in un clima più rilassato, sereno e onesto».

Cna Ravenna

La CNA di Ravenna esprime solidarietà al Sindaco di Ravenna Michele De Pascale, raggiunto, nei giorni scorsi insieme ad altri Sindaci della Regione, da una lettera di minacce a firma delle “Nuove Brigate Rosse” che contesta le restrizioni introdotte per contrastare il diffondersi dell’epidemia di Covid-19 e che annuncia possibili attentati terroristici.

Tale gesto rappresenta, soprattutto in questo momento così delicato e impegnativo per tutta la comunità, un attacco vile e intollerabile verso gli Amministratori che lavorano con estrema serietà per la tutela di tutta la cittadinanza.

CNA Ravenna si unisce al coro unanime di condanna verso questo gesto intimidatorio, ringraziando ancora una volta il Sindaco De Pascale per l’impegno e la dedizione con cui svolge il suo lavoro e esprimendo la nostra più sentita vicinanza.

 

Cisl Romagna

Ferma condanna di CISL Romagna alle minacce ricevute dai sindaci Le minacce ricevute dai sindaci di Ravenna, Rimini, Forlì e Ferrara sono totalmente inaccettabili. Come CISL Romagna esprimiamo solidarietà e vicinanza ai sindaci, che in una situazione economica e sociale difficile stanno cercando in tutti i modi di aiutare i loro concittadini. E’ da condannare ogni attacco alle fondamenta democratiche delle nostre Istituzioni, che ci riportano pericolosamente indietro nel tempo. Ora come allora il nostro Paese va difeso insieme, con ritrovata unità, respingendo ogni vile attacco.

 

Cgil Ravenna

La Cgil di Ravenna esprime solidarietà al sindaco di Ravenna, Michele de Pascale, e a tutti gli amministratori che in questi ultimi giorni hanno ricevuto lettere minatorie, in cui si minacciano azioni violente e di stampo terroristico.

Il difficile momento, sia dal punto di vista sanitario che sociale, deve essere affrontato con massima unità e senso di responsabilità da parte di tutti. La pandemia non si sconfigge con le divisioni o minacciando azioni violente. Gli amministratori stanno conducendo una difficilissima lotta al covid-19 e a loro va la nostra vicinanza, respingendo e condannando con forza gli atti intimidatori di cui sono stati vittime.

 

Articolo Uno- Sinistra per Ravenna

Esprimiamo la più sentita vicinanza e solidarietà al sindaco di Ravenna Michele De Pascale e a tutti coloro i quali, come i sindaci di Ferrara e Rimini, hanno ricevuto lettere minatorie che minacciano azioni terroristiche, intimidatorie e violente.

Non si tratta solamente di un episodio deplorevole, quanto di un gesto inqualificabile e di gravità inaudita: è inaccettabile che qualcuno pensi di poter intimidire amministratori territoriali, le istituzioni e le comunità tutte con minacce gravi e che sono da condannare con fermezza e determinazione; queste sono un vero e proprio attacco alla nostra Democrazia compiuto, per di più, in un momento di estrema sofferenza e difficoltà per il nostro Paese, colpito dalla crisi sanitaria ed economica, approfittando del malessere e delle difficoltà che l’intera comunità nazionale sta provando sulla propria pelle.

Saremo sempre dalla parte dei valori democratici, della Democrazia, in difesa delle istituzioni repubblicane e della civile e pacifica vita democratica contro ogni violenza, ogni intimidazione o atto antidemocratico.



sfoglia la rivista
Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

Giunta dell

La distribuzione delle deleghe era un atto nec ...

 Apre un punto drive through a Marradi

Il servizio scatta dalla prossima settimana, il marte ...

Allarme siccità, è un autunno senza piogge

Coldiretti: “Agricoltori preoccupato in vista d ...

carta bianca

Rubriche

Controcorrente

Controcorrente

Riceviamo e pubblichiamo

L

L'astrologo meridiano in mostra a Roma

Continua l’attività di prestito da parte ...

Consegnate le borse di studio all

Consegnate le borse di studio all'I.T.I.P. Bucci di Faenza

A premiare i migliori alunni è stata, come avv ...

libri su p.Daniele SIR papa giovani NOVENA P DANIELE biglietti 01 fondazione dalle fabbriche adorazione eucaristica VIGNETTA ottobre biglietti 02 biglietti 03 rosario dress again tornielli Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza caroli unitalsi Libro di Padre Daniele papa francesco