Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Emergenza Covid, al via il secondo bando a sostegno del tessuto economico ed imprenditoriale

A beneficiare dei nuovi contributi a fondo perduto saranno le partite IVA

Emergenza Covid, al via il secondo bando a sostegno del tessuto economico ed imprenditoriale

Per fronteggiare la crisi dovuta all’emergenza sanitaria, dopo il primo contributo messo a disposizione a novembre, il Comune di Faenza ha deciso di implementare il sostegno alle aziende che sono state limitate nella loro operatività. Si tratta di un contributo a ‘fondo perduto’ di 800 euro al quale potranno accedere gli operatori economici con partita IVA, imprese, liberi professionisti e lavoratori autonomi).

 

A beneficiare del bonus potranno essere titolari di partita Iva con sede o unità locale a Faenza, con volume d’affari inferiore a 600mila euro e che abbiano registrato, nel 2020, un calo del fatturato di almeno un terzo rispetto all’anno precedente.

 

Da questa nuova misura sono escluse le attività che hanno beneficiato del precedente bando comunale e, al momento, le società senza scopo di lucro, le associazioni culturali, le associazioni sportive dilettantistiche e i circoli, categorie per le quali l’Unione della Romagna faentina sta predisponendo un ulteriore nuovo bando con sostegni economici “ad hoc”.

 

Le autodichiarazioni per ottenere il sostegno economico potranno essere presentate a partire da giovedì 24 fino al 18 gennaio. Sarà necessario sottoscrivere la modulistica scaricabile dalla home page del sito web istituzionale del Comune di Faenza – e inviarla, esclusivamente tramite PEC, all’indirizzo pec@cert.romagnafaentina.it, indicando nell'oggetto "COMUNE DI FAENZA. EROGAZIONE A FONDO PERDUTO DI UN SOSTEGNO ECONOMICO PER GLI OPERATORI IVA (IMPRESE E PARTITE IVA) A SEGUITO DEL PERDURARE DELLO STATO DI EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DOVUTA AL COVID-19".

 

In fase di istruttoria il Comune si riserverà la facoltà di richiedere ulteriore documentazione. Eventuali accertamenti di non veridicità delle autodichiarazioni, a seguito dei controlli, comporteranno l'immediata revoca del sostegno economico e la conseguente restituzione al Comune di Faenza della somma erogata.