programma BV Grazie Da Gerusalemme ai confini della terra
sfoglia la rivista

Voto 4 marzo - La Cisl chiede proposte concrete

Il segretario Cisl Romagna ai candidati romagnoli. E invita tutti a votare “perché la democrazia chiede partecipazione".
Voto 4 marzo - La Cisl chiede proposte concrete

“Europa, lavoro, fisco e welfare sono queste le priorità su cui i partiti dovrebbero presentarsi ai cittadini in vista delle prossime elezioni politiche e sulle quali la CISL si aspetta delle proposte concrete e non sogni nel cassetto.” Così esordisce Filippo Pieri, segretario generale della CISL Romagna, presentando la lettera che è stata inviata a tutti i candidati nei collegi della Romagna per le elezioni del 4 marzo.

Il sindacato cislino non si è limitato a chiedere ai candidati cosa pensano, ma ha elaborato analisi e proposte sia sulle questioni generali (in particolare su Europa, lavoro, fisco e welfare), sia sui temi locali quali il Sistema Romagna, lo sviluppo di qualità ecocompatibile e le infrastrutture.

“Nello specifico - prosegue Pieri – la CISL pensa che occorra un affondo finale verso gli Stati Uniti d’Europa realizzando nel frattempo un Ministero europeo dell’Economia, emettendo Euro-bond per finanziare investimenti in infrastrutture fisico-digitali e per una gestione comunitaria delle politiche migratorie e sociali.”

“Passando alle politiche del lavoro – continua il segretario romagnolo – noi riteniamo che sia necessario un contratto europeo per le aziende che operano in più nazioni: le vicende Ryanair e Amazon, solo per citarne alcune, sono un esempio di dumping contrattuale e sociale. Inoltre occorre accelerare sulla creazione e qualificazione dei centri per l’impiego ovvero le cosiddette politiche attive del lavoro.”

“Per quanto riguarda il fisco – riprende Pieri – la CISL ha presentato nel 2015 una proposta di legge raccogliendo oltre 500mila firme, ma i partiti sono stati sordi. Noi  sosteniamo il passaggio da un sistema fiscale che pesa per l’80% su lavoratori dipendenti e pensionati ad un sistema in cui chi davvero possiede di più, paghi di più, pur garantendo un’adeguata progressività.”

“L’emergenza sociale è rappresentata dai quasi 5milioni di poveri assoluti, di cui 1,3 milioni di minori. Le politiche sociali devono essere indirizzate a diminuire queste situazioni di disagio, mettendo in rete gli interventi previsti dalle leggi nazionali e dalle delibere regionali e comunali. Inoltre – spiega il leader cislino – è doveroso migliorare il sostegno alle famiglie sia nel momento della nascita dei figli, sia quando i genitori diventano anziani e non sono più autosufficienti.”

Questi sono temi di carattere nazionale a cui Filippo Pieri aggiunge anche le priorità del territorio romagnolo che, secondo la CISL Romagna, dovrebbero essere affrontate in modo sinergico tra gli amministratori locali e i futuri rappresentanti in Parlamento eletti in Romagna, senza distinzione di appartenenza partitica.

“Anzitutto a nostro avviso è vincolante considerare le tre province romagnole come un unico sistema, che noi definiamo Sistema Romagna, ma non è importante la denominazione. Ciò che è fondamentale è superare i confini e progettare su base romagnola il futuro sociale e produttivo, sorpassando i limiti provinciali.”

“Poi viene la scelta del modello di sviluppo – sostiene Pieri – che è dirimente per migliorare il già buon sistema sociale ed economico della Romagna. La CISL è convinta che sia vitale un modello di sviluppo fondato sulla qualità. Infatti le ricerche istituzionali e quelle dei centri studi dimostrano che i sistemi votati alle produzioni con alto valore aggiunto, quindi indirizzate soprattutto ai mercati esteri, sono quelle che consentono una crescita economica duratura e creano occupazione stabile e di qualità.”

“Il sistema universitario non può essere estraneo a questo percorso – evidenzia il sindacalista - è uno dei fattori decisivi che potrebbe sostenere con ricerca e innovazione il tessuto di piccole e medie imprese, poco patrimonializzate e che difficilmente possono permettersi investimenti importanti. L’innovazione di processo e di prodotto è già presente nel territorio, ma solo in alcune grandi imprese che sono diventate leader internazionali nei settori agroalimentare, del benessere fisico e delle costruzioni.”

Per concludere “in questo contesto è essenziale pensare in termini ecocompatibili perché la Romagna è per natura un territorio a vocazione agroalimentare e turistico per cui la prima risorsa da preservare, e in alcuni casi da recuperare, è l’ambiente. Solo con questa premessa si possono progettare infrastrutture a servizio dei cittadini, delle imprese e dei turisti: definendo il ruolo del porto di Ravenna, dei due aeroporti (Forlì e Rimini), della mobilità del lungo costa, della mobilità dolce e del collegamento stradale della E55.”

“La CISL valuterà con estrema attenzione i programmi dei candidati e degli schieramenti, analizzandone anzitutto la fattibilità e la ricaduta sulle persone che rappresenta. Ma ci sentiamo di lanciare un appello ai nostri associati e a tutti i cittadini – termina il segretario generale della CISL Romagna - affinché utilizzino il loro diritto al voto il prossimo 4 marzo, perché la democrazia chiede partecipazione.”



Cerca nel sito
Agenzia Sir

Territorio

2mila euro per Casa Tarlazzi

Cotignola agli anziani grazie agli Amici del Cena ...

Alfonsine: riaperto il caso Minguzzi

Indagati per omicidio due ex carabinieri e un idraulico d ...

Ricordo dell

I funerali venerdì 23 alle ore 10,30 a Marradi nel ...

Tres Dotes 2018: dal 22 al 24 giugno, a Tredozio

250 poeti per il primo festival di poesia dedicat ...

carta bianca

Rubriche

Il Piccolo cartaceo torna venerdì 25 agosto

Il Piccolo cartaceo torna venerdì 25 agosto

In programma la pubblicazione delle immagini dei campi e dei ...
Don Francesco Cavina designato nuovo parroco a S.Maria Maddalena

Don Francesco Cavina designato nuovo parroco a S.Maria Maddalena

L'annuncio ierie sera, sabato 29 luglio, e oggi a S.Maria Ma ...
Charlie è morto

Charlie è morto

 Staccate le macchine, venerdì 28 luglio in Ingh ...
Operazione Colomba, 25 anni di nonviolenza

Operazione Colomba, 25 anni di nonviolenza

Il Corpo di pace della Comunità Papa Giovanni XXIII & ...
libri su p.Daniele Al cinema Europa fondazione dalle fabbriche Pellegrinaggi Unitalsi: Lourdes, ecc. salotto martedì d'estate Home Diocesi di Faenza Modigliana Vangelo del giorno Logo CEI Biblioteca digitale Faenza Libro di Padre Daniele